Cantina Su’Entu: l’accento sull’enologia della Sardegna

La Marmilla, territorio posto nella parte meridionale della Sardegna, è disegnato da colline morbide, mai ripide, che creano un paesaggio idilliaco dalle linee dolci.
Sin dai tempi antichi le popolazioni nuragiche avevano trovato qui fissa dimora, lo testimoniano gli innumerevoli siti che evidenziano il Su'Entupassaggio di comunità antiche ma evolute, quasi a testimoniare l’indiscussa fertilità di questa terra.
In questo contesto, a Sanluri, circa cinque anni fa Salvatore Pilloni ha contribuito al recupero di un angolo di Marmilla, dissodando e svuotando dalle pietre un’intera collina, divenuta oggi la meravigliosa sede della Cantina Su’Entu, Il Vento in dialetto sardo.
Il nome della cantina non può che rimandare a quei venti che durante tutto l’anno sferzano e coccolano la Natura sarda: dal Maestrale che porta la sua aria salmastra sin sulle colline delle Marmilla fino al Libeccio e lo Scirocco.
I vitigni autoctoni dell’Isola trovano, in Su’Entu, una vera e propria declinazione: raccontano il territorio, la terra, le escursioni termiche e la cura nei dettagli; ed è a partire dalle bellissime ed appSu'Entuariscenti etichette che queste bottiglie spiccano, dando un’ interpretazione moderna ma accattivante e per niente banale dell’enologia sarda.
Il VERMENTINO DI SARDEGNA D.O.C. nella sua etichetta verde-gialla è caratterizzato da un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, sinonimo di un vino fresco, diretto, beverino e appagante.
Caratterizzato da un comparto aromatico netto: ha un naso di frutta che ricorda la pesca e la banana, con leggeri profumi floreali che alleggeriscono la nota olfattiva.
In bocca abbastanza equilibrato è caratterizzato da sapori netti di frutta gialla appena matura. Per la natura di Vermentino  spicca troppo l’aromaticità legata a note estiche che lo rendono in ogni caso un vino interessante e godibile.
Vino particolare è l’AROMATICO: prodotto da un blend di Nasco, Moscato e Chardonnay, viene appositamente prodotto lasciando che l’aromaticità delle uve esca possente durante la fermentazione.
Caratterizzato da un colore più carico, giallo dorato, spicca subito per le note di frutta esotica come il lichi, accompagnato da profumi di banana e ananas.
In bocca una buona acidità aiuta a bilanciare un corpo importante con sentori di mela ed un retrogusto agrumato: vino decisamente atipico per l’enologia sarda, aspetto che forse lo distingue e lo caratterizza.
Il VERMENTINO DI SARDEGNA “PIÚ” possiede, come dice la parola, un marcia in “più” in quanto subisce un invecchiamento leggero in botte che regala sapori più marcati, un bianco con maggior complessità con struttura piena e grassa.
Su'EntuNotevoli sono i profumi vanigliati donati dal legno che si uniscono alle note di paglia ed erbe mediterranee seccate al sole.
Il CANNONAU è raccontato da un colore rosso porpora intenso.
Viene affinato per un anno in botti di secondo passaggio, ha un comparto olfattivo legato ai piccoli frutti rossi come la mora del gelso, il mirtillo e la prugna.
In bocca molto caldo (14.5%vol.) e corposo, si coniuga con un tannino ruvido che contrasta con la morbidezza, il fruttato naturale, legato alle note varietali dell’uva cannonau, si somma al dolce vanigliato donato dall’affinamento in botte amplificando la sensazione tannica a tratti troppo persistente ed intensa.
Vino dalla grandissima longevità che gioverebbe di un buon affinamento in bottiglia di qualche anno, solo il tempo potrà rendere meno scontroso e scorbutico un cannonau che è di sicura capacità espressiva.
Prodotto simbolo della Cantina Su’Entu è il BOVALE: uva antica e solo recentemente recuperata, porta alla luce vini di pregio e complessità unica nel suo genere.
Il Bovale di Su’Entu ci è piaciuto molto per il suo carattere morbido, mai scorbutico, docile e caparbio.
Vino dal colore rosso rubino intenso ma con la tipica “unghia” viola è dotato di un tenore alcolico elevato (15.5%vol.).
Al naso è energico, con profumi di confettura di ciliegia ed una carica speziata inebriante di pepe e cannella, che porta a presagire una persistenza gustativa vigorosa.
I sentori balsamici, con sapori netti di frutta matura rossa come la prugna e la ciliegia, si uniscono alla complessità molto interessante, che ci regala sul finire note di noce moscata, cannella e leggero tabacco.
Su'EntuSu’Entu in pochissimi anni è stata capace di produrre vini vini sardi dallo spiccato carattere internazionale, grazie anche all’uso dei legni che in cantina hanno levigato la veste sarda dei vini.
Su’Entu ha posto l’accento su un enologia caratteristica, in cui morbidezza e complessità vanno a braccetto per poter esprimere al meglio il lavoro di una famiglia dedita al vino.
Sono prodotti caratterizzati da una bella esuberanza e da un gusto morbido, in cui l’affinamento in legno domina la nostra degustazione.
Sapori decisi in cui moderno e tradizionale si mescolano in ogni bottiglia con maestria.
Su’Entu col passare degli anni continuerà a crescere, rappresenterà negli anni a venire il futuro del vino sardo, un vino che dovrà necessariamente portare economia e quindi dovrà iniziare a parlare molte lingue e non solo la bellissima ed affascinate lingua sarda.
Concentrando sforzi e intenti nell’esaltazione di un’enologia, quella sarda, Su’Entu sarà in grado di scalare consensi e diventare una delle aziende di riferimento dell’intera Sardegna.

 

Andrea e Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code