Enio Ottaviani: un sorso di Rock & Roll

Emilia – Romagna non basta una parola, non ne bastano due!

Regione che da tutto a chi passa e, forse, toglie tutto a chi resta, la campagna e l’industria che si unisce alla cultura.
Se dappertutto si dialoga, si discute e si litiga nei tribunali in Emilia – Romagna lo si fa in cucina al massimo a tavola.
Siamo nella terra dove persino il maiale diventa sacro e imprescindibile, terra di pianure, colline, strade e mare spesso una sola strada o una piccola ferrovia separa tutto questo dal resto del Mondo.
Qua a tavola si litiga, si parla, si racconta, si studia quello che si mangia.
Emilia e Romagna tanto vicino quanto lontane, tanto simili quanto diametralmente opposte, emiliani e romagnoli, tante cose e tutte diverse.
Un trattino separa le due grandi umanità e forse proprio in quel trattino c’è la differenza di fare e di vedere le cose.
Contraddzioni, tante cose che contrastano e convivono che poi però si uniscono in una regione per la quale un nome solo non basterebbe.
La Romagna, terra senza confini, luoghi tracciati dalle colline che iniziano sui monti e terminano nel mare dove la Via Emilia è la vena pulsante che unisce l’Italia intera.
La Romagna è un posto dove ti senti bene!
Un’azienda produttrice di vini autentici, Enio Ottaviani, di San Clemente di Rimini, colline strappate all’industria, alle balere e alle piadine.
Ho conosciuto le persone che stanno facendo grande questa cantina, persone autentiche, vere, colorate e saporite.
Mi scuserete se nello scrivere questo breve articolo sarò pieno di retorica e buonismo ma parlando di Romagna e delle persone che la disegnano, cosi tanto bene, mi riesce difficile fare diversamente.
Enio Ottaviani è azienda spontanea, non made in italy ma born in italy come dice Massimo Lorenzi, il “man with bag” dell’azienda.
C’era una volta un uomo, Enio, oggi invece sono due Massimo e Dado, uno a spasso per il Mondo a conquistare mercati, l’altro che ha nella vigna il suo habitat naturale, respira facendo fotosintesi e conosce per nome le vasche e le botti dalle quali nascono i vini. Ogni vino una sensazione, una canzone che può aiutare coloro che vogliono incontrare quest’azienda a capire l’intimo che si cela dietro alle meravigliose etichette.

STRATI PAGADEBIT Romagna D.O.P.

In Romagna il Bombino bianco, vitigno molto diffuso in Puglia, viene definito Pagadebit o Straccia Cambiale. Secondo la cultura popolare, il pagadebit è uva generosa che aiutava gli agricoltori a recuperare gli investimenti. Supernatural Supersrious, il recupero di un’uva antica, solidale che ancora oggi regala grandi soddisfazioni degustative. Colore giallo scrico con riflessi verdastri è caratterizzato da profumi molto semplici di paglia e frutti a pasta bianca come la pesca. In bocca è caratterizzato da una grande acidità che ben accomapagna le note di frutta con un finale leggermente amarognolo che lo rende vino acuto e piacevolmente beverino.

 

MADA CHARDONNAY I.G.P. RUBICONE

Lo Chardonnay è un’uva che viene coltivata in tutto il Mondo ma solo in alcune zone assume davvero senso. Famose le colline della Borgogna o le zone alpine dell’Alto Adige. Per Enio Ottaviani non ci sono stati problemi nel produrre uno Chardonnay fine, elegante, allo stesso tempo di corpo ma mai troppo burroso. Mada è un vino molto elegante adatto ai piatti di pesce più esigenti, un vino da bere in smoking nel locale più esclusivo cosi come con i piedi ammollo sulla riviera romagnola.

 

 

CLEMENTE PRIMO Bianco Rubicone I.G.P.

Pagadebit, Sauvignon, Riesling

Il vino tra i bianchi che ci ha lasciati a bocca aperta! Le tre uve concorrono a regalare il loro carattere ad un vino altamente versatile, dotato di altissima qualità organolettica ed espressiva. Clemente Primo ha in se i profumi rapidi e golosi del pagadebit, il taglio fortemente idrocarburico del riesling e la frutta gialla dello chardonnay. L’influenza del mare diretta con i suoi venti salmastri e con la forte insolazione estiva lo rende un vino spiccatamente mediterraneo, sapido e capace di stupire chiunque.

 

928 Rosso Rubicone I.G.P.

Come già detto quando incontrato, questo 928, anche se sembra un azzardo, potrebbe assomigliare ad un Tignanello di Romagna (Cabernet Sauvignon e Sangiovese) emoziona parecchio. Vino color porpora intenso, potente in tutte le sue espressioni, fine ed elegante come un moderno James Bond, dinamico e “rolling” nella nostra bocca come una pietra scalciata.

 

 

Merlot Rubicone I.G.P.

Merlot in purezza, uva strana da trovare in Romagna, dei rossi di Ottaviani è quello che in apparenza sembra ancora troppo giovane e sgallettato. In bocca lo senti stiracchiarsi con i suoi sapori erbacei, “pirazinici” che sanno stuzzicare le papille gustative con irriverenza e giovinezza. La sua nota di merito è la combinazione di corpo e complessità di cui è dotato che lo eleva a vino importante, indicato a coloro che amano quest’uva perchè come dicono i The Darkness ” L’amore è solo un sentimento”.

 

 

CACIARA Sangiovese Superiore Romagna D.O.P.

Sangiovese 100%, tra i rossi il vino che ci ha stupito più di tutti! Caciara ha nel suo abito e nel suo corpo fine ed armonioso la sua arma vincente. Un vino capace, con la sottile nota aromatica di colpire al cuore di chi lo beve. Forse vino semplice, pragmatico e diretto ma che racchiude un’enologia, quella romagnola, in forte ascesa qualitativa. Una grande canzone degli AC/DC dice tradotta in italiano : ” …il suono dei tamburi che battono nel mio cuore il tuono delle pistole mi ha lacerato tu sei stato fulminato, Thunder!!!”. Un vino che folgora!!!

 

 

Andrea Pilu

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code