Cà de Menta: l’immediato piacere del Monferrato

Una cascina in affitto tra Novi Ligure e Gavi, un ritorno alle “orgini”, alla terra…è incominciato tutto da li!
Il progetto nasce dalla voglia di vivere il Piemonte e quale modo migliore di farlo se non trasferirsi dalla frenesia della città alle colline che si affacciano sul Monferrato?
Cà de Menta è come una mamma che accoglie a braccia aperte: colline morbide vengono avvolte dalla nebbia autunnale che come una lama taglia il mondo in due. Le stesse colline che d’autunno e in primavera mutano forma e colore grazie alle coltivazioni, regalando paesaggi degni di una tela impressionista.
Cà de MentaAzienda che nasce dal desiderio di ritornare a casa, la cascina dei nonni, quei profumi, quelle emozioni e quei sapori che troppo spesso si tendono a dimenticare.
Nel 2010 inizia la storia di Cà de Menta, azienda giovane ma volenterosa di recuperare quelle radici familiari ben radicate nel mondo del vino.
La “Casa della Menta”, così viene chiamata la vecchia cascina dagli abitanti nei dintorni di Montaldo Bormida, sulle colline dell’Alto Monferrato, in provincia di Asti.
Nel pieno rispetto della natura, Cà de Menta ha scelto di seguire i dettami dell’agricoltura biodinamica, lasciando libero sfogo alle varietà d’uva che crescono nei suoi vigneti, adottando così il minimo intervento in vigna ed in cantina.
Le uve che vengono coltivate sono quelle strettamente legate alla tradizione del Monferrato: la Barbera e il Dolcetto.
Assaggiando i tre vini dell’azienda, la linea conduttrice che ci guida nella loro scoperta, porta alla semplicità, da non confondere con la banalità.
Semplicità d’espressione, garbo, spalleggiato da caparbietà netta sono i caratteri distintivi dei tre vini rossi di Cà de Menta.
Quanto è difficile assaggiare una pasta al pomodoro fatta bene? eppure è un piatto così semplice, fatto di pochi ingredienti.
Cà de MentaLo stesso ragionamento vale per i vini, spesso troppo ricchi e complessi, alla disperata ricerca di un qualcosa di speciale…E come per una buona pasta la ricetta della nonna non la batte nessuno!
Ecco che in questi vini si percepisce ad ogni sorso il sapore di casa, la semplicità di una ricetta contadina. L’incontro con l’azienda inizia attraverso la BARBERA DEL MONFERRATO D.O.C. un vino ottenuto dal vigneto San Nicolao dove le uve raccolte a mano portano alla luce un vino molto diretto, senza aggiuna di solfiti.
Al naso sprigiona subito note varietali di furtta rossa e nera, risulta immeditato e fresco.
In bocca è quasi vivace, ma riconosciamo grande tonicità in questo vino: il nostro palato viene catturato dal carattere istintivamente coinvolgente di questo vino, con una buona acidità ed un carattere morbido.
Segue il MUNFRÀ, vino prodotto con 50% di Barbera della vigna vecchia di San Nicolao e 50% Dolcetto.
Siamo difronte ad un vino dal colore rosso rubino impenetrabile e scuro dove i riflessi violacei si fanno tersi e cupi.
Al naso le note sono legate alla frutta rossa e alla viola, mentre in bocca risulta polposo, caldo e avvolgente coi suoi 15%vol. Mediamente complesso spicca per morbidezza e rotondità con note immediate e piaceovli.
Il naso, in virtù anche della natura biodinamica dell’azienda, non riuslta molto “pulito” e si mescola con odori piuttosto intensi ma per nulla difettosi.
Cà de MentaL’ultimo vino è il MONFERRATO ROSSO D.O.C. prodotto col 100% uve Dolcetto. Questo vino, ananta 2011, viene affinato per tre anni in botti di rovere e fusti d’acciaio.
Il risultato è davvero ottimo, vino dal colore rosso porpora intenso, al naso i profumi sono quelli della frutta rossa matura, con sentori balsamici più complessi.
In bocca risulta molto corposo, polposo, riempie bene la bocca scaldandola coi suoi 14.5% vol.
Dotato di buona persistenza e morbidezza, è sicuramente il vino più complesso dell’azienda: qui il lavoro di affinamento svolto dalle botti ha dato un bel valore aggiunto, arricchendo il Dolcetto di profumi e sentori molto interessanti.
Il filo conduttore di questa azienda è la tipicità dei prodotti, risultano immediati ma molto interessanti, con note di facile individuazione mai banali.
I vini di Cà de Menta sono adatti davvero a tutti i palati, poliedrici e con un grande carattere.
Un plauso a questa piccola realtà piemontese che sta lavorando in maniera molto interessante, grazie anche all’apporto dato dall’agricoltura biodinamica.
Vini di territorio che ci sono piaciuti e che consigliamo, sopratutto a chi è alla ricerca di prodotti più “naturali”, tenendo però presente i limiti che spesso questo tipo di pratiche comporta, dagli odori all’evoluzione del vino nel tempo.
In conclusione un plauso anche alle etichette che raffigurano disegni fatti da bambini, davvero molto belle ed espressive! D’altronde anche l’occhio deve essere conquistato, non solo il palato.

 

Andrea e Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code