Azienda Agricola PALA: un’isola nel bicchiere

Percorrendo la Sardegna da Nord a Sud sulle strade, spesso impervie spesso dolci, ci accorgiamo che in quest’Isola, nulla ha le sembianze di un luogo comune.
La Sardegna nasconde e cela il suo carattere e si rivela attraverso piccole ed importanti espressioni che solo 1le persone più attente riescono a scorgere.
Il fascino si cela dietro spiagge che improvvisamente lasciano spazio a colline, che dominano la vastità del mare.
La Natura, nelle diverse stagioni, sprigiona profumi inebrianti di erbe aromatiche, che in sardo prendono il nome di “chessa” e “mudeggiu” e dona profumi inconfondibili che si fissano nella memoria di tutti.
Le emozioni di un Terra che si lascia lentamente scoprire, le possiamo scovare con pazienza in tutta la tradizione enologica dell’isola.
Qui la viticoltura è sempre stata motivo di vanto e negli ultimi trent’anni ha iniziato a produrre vini di altissima qualità, specchio di un territorio forte ed evocativo.
Una delle aziende che negli ultimi anni si sta imponendo sia nel panorama enologico dell’isola che in quello nazionale è: PALA.
A Serdiana, nella parte orientale della Sardegna, in provincia di Cagliari, i vigneti dell’azienda hanno ancorato profonde radici nella storia e nella tradizione.
I PALA sono viticoltori da generazioni (1950 anno della prima vendemmia), oggi Mario fa parte della generazione che tramite innovazione e nuove conoscenze tecniche sta spingendo i4 vini sardi nel mondo.
Come in tutte le migliori aziende vitivinicole è la famiglia che fa la differenza: Mario è spalleggiato dalla moglie Rita e dai figli Massimiliano, Maria Antonietta ed Elisabetta.
L’azienda è suddivisa in diverse tenute, ognuna con vitigni capaci di adattarsi ai diversi terroir.
Da Serdiana a Ussana, i terreni da calcareo marnosi si trasformano nei quarzi di Senorbì e nelle sabbie bianchissime di Uras e Terralba.
L’attenzione dei viticoltori, negli anni ha dato vita a vigneti antichi impiantati seguendo le attitudini di ogni vitigno, dando vita quasi spontaneamente a veri e propri “cru”.
Dalla Tenuta “Is Crabilis” tipicamente calcareo sabbiosa hanno trovato dimora le uve di Vermentino, Monica, Cannonau e Nuragus. Troviamo poi “Tanca S’Arai” uno dei vigneti più vicini alla cantina, dove terreni più argillosi a base calcarea danno vita all’omonimo “cru” prodotto da uve Cannonau, Carignano e Bovale.
Grandissima è la passione per i vitigni autoctoni sardi che nelle diverse bottiglie prodotte, propongono il vanto della biodiversità innata dell’Isola.
Nella tenuta “Benatzu Coloru” nasce la Monica di Sardegna da un terreno prevalentemente argilloso.
Le altre tenute “Senorbi” “Costa Is Arangius” e “Terralbese” vedono a dimora Vermentino, Cannonau e il 2Carignano del Sulcis.
PALA può vantare terreni dove le vigne antichissime sono ancora a piede franco in quanto la natura vulcanica dei terreni non ha permesso l’azione distruttiva della fillossera avvenuta ad inizio novecento: vigneti quasi “marini” che si trovano a livello del mare, a pochissimi sguardi dalle spiagge.
Espressione viva e vivace di un intero territorio e di una regione, la PALA grazie ai molti ettari vitati è riuscita nell’intento di diversificare i propri vini, dividendoli in diverse linee.
“Silenzi” rappresenta generosamente tre vini che introducono all’azienda, “I Fiori” propone, su tutti, i profumi dell’autoctono Nuragus dal bouquet delicato ed intimamente ricercato ed il carattere deciso della Monica, interessante mai banale e determinato.
Le linee di maggior rilievo sono “Collezioni” e “Cru”: nella prima troviamo il “Chiaro di Stelle” un rosato dal colore meraviglioso, brillante di un cerasuolo intenso espressione unica dei rosati PALA.
Vini di spessore e dalla seducente complessità aromatica sono “Essentja” e “Thesys”, dove le uve Bovale vengono scelte ed assemblate con genio per proporre vini superbi, insieme alle uve Syrah.3
Meravigliosa espressione dei vigneti di questo spicchio di Sardegna è il Siray prodotto da uve Carignano del Sulcis che per disciplinare I.G.T. non possono esser citate in etichetta ma in questa bottiglia trovano un’armonia fra terra e mare che rappresenta la Sardegna.
Nella linea “Cru” troviamo “S’Arai” derivante dall’omonima vigna e appartenente ai Grandi Cru d’Italia.
Qui, uve diverse si fondono per regalarci un vino complesso con un bouquet sensoriale inebriante, gli assemblaggi delle diverse cuvèe donano un ventaglio di emozioni ampio che ne fa un vino di vanto, una bandiera, un pezzo di cuore.
È sempre affascinante scoprire un’azienda attraverso i vini prodotti, la possibilità è quella di incontrare il produttore anche se questo è a Km di distanza.
Nei vini PALA c’è Mario, c’è suo padre e le generazioni di oggi, una lunga storia di vignaioli che col passare del tempo non si è mai arresa.
Una passione innata, coltivata e cullata che oggi ha portato all’esaltazione di un territorio, quello di Serdiana e dintorni, attraverso i vini che mai cessano di esprimere il carattere dei sardi, di un’Isola che anche grazie ai vini PALA può essere visitata comodamente a cena, seduti con un bicchiere tra le mani.

Andrea e Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code